Gabbiano nero

Il gabbiano nero è una economica taverna nei pressi del porto. prende il nome da un grosso corvo che si intrufolò poco dopo l'apertura e non se n'è più andato. il proprietario, Dill Mackey, cominciò a dar da mangiare all'uccello. Una Sera un marinaio con due o tre pinte di troppo lo vide e disse: "Quello è il gabbiano più nero che abbia mai visto!"

Nel giro di pochi giorni Mackey cambio il nome della locanda e l'insegna.

La locanda è costruita su un unico piano, con un unica sala Con appena abbastanza spazio tra i tavoli per passare. I pavimento è sporco, e ci sono alcune macchie molto sospette. Sul retro, 6 piccole stanze , più simili a cabine di una nave. Ogni stanza ha un giaciglio e un comodino. La locanda non serve cibo solitamente, ma si fa un eccezione per chi ha stanze affitate. Mackey sa bene che non si tratta di un posto di lusso, ma fa quello che può per rendere il soggiorno il più gradevole possibile, con pasti a base di pesce fresco inclusi nel moderato prezzo.

Gabbiano nero

Racconti dalla costa della spada arcadio21